B2B

Nel commercio digital, la sigla B2B (Business to Business) è utilizzata per definire transazioni commerciali tra aziende, dove imprese di tutti i tipi (industria, distribuzione, rivendita) commercializzano i loro prodotti verso altre imprese.

Le tecniche di marketing B2B traggono beneficio dalla segmentazione e dagli investimenti in canali di nicchia.

Visto che si tratta generalmente di transazioni più complesse rispetto a quelle con il consumatore finale, il loro ciclo è più lungo.

Va da sé che diventa fondamentale coltivare la fiducia e la credibilità per mezzo di strategie, poiché in questo tipo di business esistono più rischi, il che esige ricerca e analisi da parte delle imprese coinvolte.

I PRINCIPALI FORMAT DELLA MODALITA´ B2B; LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE È TUTTO

1) Trasformazione: ossia un’industria vende per un’altra industria

2) Distribuzione: un’industria vende a un distributore

3) Rivendita: un distributore vende per una rivendita

COME APPLICARE IL MARKETING B2B NELLA PRATICA?

La transazione degli affari tra le imprese, molto dipende dall’efficienza dell´ approccio strategico utilizzato.

È essenziale generare esperienze d’eccellenza con i potenziali clienti, al fine di confermare l’immagine positiva del brand.

Un esempio eclatante è stato quello di General Electric, che riconfermato dal Comitato olimpico fornitore ufficiale di illuminazione, generazione di energia e trattamento delle acque durante le Olimpiadi del 2016, decise di utilizzare i social media per rendersi interessante ai clienti ideali, composti da diversi tipi di gestori di imprese e società. Nello specifico GE scelse la piattaforma Linkedin per lanciare la sua campagna di engagement.

Attraverso contenuti sui blog, e invio di e-mails, il marchio invogliò le imprese connesse, all’acquisto del materiale GE. Alla fine, i 10 gestori più “engaged”, vennero invitati ad un evento sensazionale nella sede GE di San Paolo.

I 7 PILASTRI DEL B2B

1) Mercato di nicchia

2) Rapporti razionali e tecnici con il marchio

3) Rapporti e contratti di lungo periodo

4) Acquisizioni con più valore aggiunto

5) Focus su tecnica, efficienza e costo/beneficio

6) Acquisti basati su necessità specifiche e razionali

7) Contrattazioni lunghe, nel rispetto di una catena gerarchica

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato

Leggi altri articoli

DMCA.com Protection Status