Rimandare a domani il lavoro: come smettere di procastinare

Come smettere di rimandare a domani il lavoro e smettere di procastinare

È consuetudine di molti rimandare le attività di lavoro al giorno seguente. Solitamente si rimanda a domani nel tentativo di rimandare attività difficili, perchè si è stanchi o demotivati. In tanti pensano che non sia una cosa così malvagia trasportare il lavoro al giorno seguente, e lo fanno proprio per non demotivarsi. Ma per esperienza, procastinare il lavoro credo che non faccia altro che allungare la lista delle cose che poi il giorno dopo non si riusciranno a fare.

Per evitare di rimandare il lavoro a domani, è bene dunque seguire questi 4 consigli.

Organizzare il tempo

Sappi che essere disorganizzati a lavoro viene percepito dagli altri, la disorganizzazione ovviamente viene percepita in modo personale, in base alla differenza tra il tuo modo di gestire il tempo a lavoro e di quello di chi osserva la mancanza di organizzazione.

L’organizzazione del tempo a lavoro però è soprattutto un’abilità che aiuta a aumentare la produttività e di conseguenza la crescita del giro d’affari. Ecco perchè ti consiglio di leggere i 4 consigli per organizzare e gestire il tempo che sono diversi dalla solita checklist di cose da fare.

Organizzare il lavoro

Organizzare il lavoro significa aumentare l’efficienza e di conseguenza la produttività. L’organizzazione passa attraverso i metodi, la capacità di trasformare operatività in procedure che tutto il team (mancanza di volontà a parte) può seguire in modo facile.

Prima di pensare al team però, bisogna pensare alla propria organizzazione delle attività lavorative. Dunque prima di creare processi, è bene tenere in considerazione 3 consigli organizzativi che sono:

  • Obiettivi
  • Assegnare Priorità
  • Sfruttare i momenti di energia

Leggi qui: Organizzare il lavoro: Come e perchè pianificare l’attività lavorativa

Annota l’attività procastinata

Annotare l’attività specifica che hai rimandato ti aiuta a concentrarti. Ad esempio, “Devo convertire tutti i contatti e le note dei miei clienti nel nuovo sistema software CRM e imparare a navigare nei suoi strumenti e cartelle”. Ora, approfondisci questo compito. Qual è il tuo obiettivo? Ad esempio, “Voglio avere familiarità con questo nuovo software, quindi è uno strumento utile, non un ostacolo alla mia crescita, perchè rimandare a domani?

Perchè rimandi a domani?

Individuare le tue emozioni ti aiuta a capire l’atto di procrastinare per quello che è veramente: una reazione emotiva. Cosa ti impedisce davvero di dedicarti in questo compito? Per usare l’esempio sopra, forse sei intimidito da tutte le nuove procedure che devi imparare (paura). O forse sei irritato perchè non riesci a farlo (rabbia). O forse rimpiangi di non aver seguito in gioventù quel corso di informatica e per non essere esperto di tecnologia (tristezza).

Qualunque sia l’emozione che provi di fronte a tale attività da rimandare a domani, inizia a farla e stabilisci che non andrai a letto fino a che non l’avrai completata.

Suddividi l’attività che vuoi rimandare

Se un’attività è davvero difficile da fare e bisogna per forza rimandare, è bene allora provare a dividere l’attività in piccoli task da fare. Dividendo dunque l’attività in priorità, più importanti e meno importanti predispondndoti per risolvere i task più importanti il giorno stesso, procastinando solo il resto.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato

Leggi altri articoli

DMCA.com Protection Status