MarketPlace: Tipologie i più usati e famosi mercati per lo shopping online

 MarketPlace: Tipologie i più usati e famosi mercati per lo shopping online

Quali tipi di marketplace ci sono sul mercato?

A una prima occhiata, i marketplaces sembrano tutti uguali, ma le loro politiche e il processo che implicano per i venditori sono molto diversi. Ogni marketplace è unico e offre diversi tipi di cataloghi, di clienti medi, di immagine pubblica e di costi per rivenditori e fornitori.

Vediamo i 5 principali tipi di marketplace online sul mercato:

  1. On demand: il mercato più comune per i servizi, basato sull’offerta di una risposta immediata alle richieste degli utenti con una rete di fornitori, come Uber o Deliveroo.
  2. Gestito: il tipo di mercato più importante nell’e-commerce. Produttori e distributori offrono i loro prodotti in una piattaforma gestita da una terza parte, che gestisce i processi di vendita, le commissioni dei venditori e ulteriore supporto per lo stoccaggio, la spedizione e l’analisi logistica. Da Amazon a Rakuten, questi sono i marketplace più utilizzati da rivenditori e clienti.
  3. Guidato dalla comunità: come dice il nome, questo è un ambiente costruito dalla comunità, con venditori e artigiani più piccoli che gestiscono personalmente i processi di vendita, consegne, resi e servizio clienti, come Etsy, sebbene una società di gestione partecipi anche a questi mercati.
  4. SAAS: questo software gratuito e open source è interessante per le piccole imprese e i venditori che desiderano creare il proprio sito Web all’interno di una piattaforma più grande. Richiede più conoscenze tecniche e sforzi di manutenzione e non è completamente gratuito, poiché il mercato di hosting ha alcune commissioni di vendita.
  5. Decentrato: questi marketplace utilizzano un sistema P2P (peer-to-peer), in cui, dunque, chiunque può vendere e acquistare qualsiasi cosa, senza sorveglianza di terze parti. Sembra molto libero, ma è anche pericoloso, perché può essere utilizzato come piattaforma per merci illegali.

Marketplace: i più famosi e usati


Le ragioni principali alla base della decisione di un’azienda di implementare un mercato includono una base di clienti fedeli, il desiderio di espandere la gamma di prodotti e l’aumento dei ricavi del mercato.

Ogni marketplace viene fornito con una propria serie di costi, commissioni e requisiti per il venditore, quindi è importante valutare attentamente le opzioni. Eccone quattro da considerare, a proposito dei marketplaces oggi più famosi e usati nel mondo:

Amazon

Uno dei maggiori vantaggi della vendita su Amazon è l’accesso che puoi ottenere ai 100 milioni di membri Prime del gigante del mercato. Questi consumatori spendono una media di 1.400 euro all’anno su Amazon, rendendolo una miniera d’oro per marchi e rivenditori. Sia che tu scelga di evadere gli ordini da solo o di affidarti a Logistica di Amazon, rendere i tuoi prodotti disponibili ai membri Prime è fondamentale.

Una volta che inizi a vendere su Amazon, avrai molti altri fattori da prendere in considerazione, ma per ora la tua più grande decisione sarà capire quale piano di vendita è più adatto alla tua attività.

Il piano di vendita individuale di Amazon è sufficiente per la maggior parte dei venditori di terze parti che vogliono iniziare immediatamente. Ma se hai prodotti in categorie di nicchia come oggetti da collezione o opere d’arte, dovrai avere un piano professionale e richiedere l’autorizzazione.

Il piano di vendita professionale costa € 39,99 al mese, più:

  • Commissioni di vendita per articolo, che variano in base alla categoria, e
  • Commissioni di chiusura variabili e commissioni di rinvio.
  • Con un piano di vendita individuale, pagherai € 0,99 per vendita, oltre a commissioni di vendita in base a ciascuna categoria.

eBay


Se vuoi sfruttare la potenza di un altro canale con una vasta quota di mercato globale, eBay è un’ottima opzione. Questo ampio mercato ti dà accesso a 168 milioni di acquirenti attivi in ​​tutto il mondo che insieme generano 95 miliardi di euro di valore di mercato lordo annuo. Con 190 mercati in tutto il mondo, avrai molte opportunità di espansione e crescita.

Quando vendi su eBay, prendi in considerazione due tipi principali di commissioni di vendita:

  • una commissione di inserimento quando crei un annuncio, e
  • una commissione sul valore finale quando il tuo articolo viene venduto.
  • Tuttavia, non ci sono costi di installazione, mensili o annuali di cui preoccuparsi.

Walmart


Ci sono molti vantaggi nel vendere online con Walmart: avrai accesso a oltre 440 milioni di clienti che visitano Walmart stesso e potrai anche usufruire di siti web affiliati. Ancora meglio, non ci sono costi di configurazione mensili, annuali o iniziali. Walmart utilizza solo le commissioni.

Tuttavia, Walmart è un marketplace solo su invito, il che significa che avrai bisogno di un po’ più di tempo per il lancio.

Se ritieni che i tuoi prodotti saranno un buon complemento al portafoglio di prodotti online esistente di Walmart, il primo passo è compilare la domanda di Walmart.

Facebook Marketplace

Infatti, senza commissioni o commissioni di quotazione fisse, Facebook Marketplace è un’opzione molto interessante per venditori nuovi e affermati.

Vendere su Facebook Marketplace è un processo facile, ma è diverso per i commercianti rispetto ai singoli. Dovrai sincronizzare il tuo inventario aggiornato e quindi attendere una settimana circa affinché Facebook riveda i tuoi prodotti e li ritenga adatti alla vendita sul Marketplace.

DMCA.com Protection Status