Monitorare e proteggere la brand reputation

     Monitorare e proteggere la brand reputation

    Per ogni azienda è fondamentale mantenere alta la reputazione del proprio marchio. Le recensioni online influenzano le opinioni dell’85% degli utenti in rete, un dato altissimo che fa riflettere sull’importanza di monitorare e proteggere la brand reputation di un’azienda. Per contrastare i danni provocati dalla mole di fake news o finte recensioni negative, ogni azienda deve stilare un piano di reputation management in cui prevedere un’efficace strategia di monitoraggio e protezione della brand reputation online.

    Un tool capace di rintracciare tutte le volte in cui viene nominato un marchio in rete è Google Alert. Questo strumento è di grande aiuto per le aziende che vogliono monitorare e proteggere la propria brand reputation online. 

    Ma le strategie per controllare e proteggere la reputazione di un marchio sono tante. Il fattore della trasparenza nel tempo, ad esempio, gioca un ruolo essenziale per la reputazione di un’azienda. Un marchio che rimane trasparente, cioè conforme alle normative vigenti e agli standard qualitativi, non corre il rischio di crisi reputazionale. 

    Un brand che si mostra particolarmente sensibile alle tematiche sociali o ambientali, ad esempio, per proteggere la propria reputazione deve mantenere l’impegno nel corso degli anni. Questo perché i consumatori del marchio, sensibili alle stesse tematiche, si aspettano una coerenza e una continuità etica nel tempo. In caso contrario, potrebbe nascere persino uno scandalo e la reputazione del marchio sarà compromessa per sempre. Vediamo quali sono le altre situazioni spiacevoli che possono originare una crisi reputazionale dell’azienda.

    Scandali e crisi reputazionali

    Scandali e crisi reputazionali possono insorgere per diversi motivi e situazioni. Un marchio che voglia tutelare la propria reputazione deve assolutamente evitare che tali rischi o situazioni possano generarsi e inficiare sulla sopravvivenza dell’azienda. In tal caso, può risultare assai utile per l’azienda stilare un piano di crisis management che possa rilevare tali situazioni di rischio e gestirle al meglio, qualora dovessero presentarsi.

    • Il rischio di una crisi della brand reputation aziendale si ha anche quando c’è un forte distacco (gap) tra le aspettative che l’azienda crea verso i partener, i dipendenti e i clienti e la capacità effettiva dell’azienda di esaudire tali aspettative. 

    Il deterioramento dei rapporti tra l’azienda e i suoi partner o i suoi dipendenti può essere un altro fattore di rischio di crisi reputazionale dell’azienda. Il malcontento dei partner o dei dipendenti può generare un passaparola negativo che può compromettere la brand reputation.

    • L’insorgere di scandali interni all’azienda è un’altra situazione di forte rischio reputazionale. Uno scandalo che coinvolge le figure manageriali, ad esempio, può colpire la reputazione aziendale e comprometterla definitivamente. 

    Leave a Reply

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    DMCA.com Protection Status