Motori di ricerca: i più famosi e usati, senza filtri e anonimi

     Motori di ricerca: i più famosi e usati, senza filtri e anonimi

    Al giorno d’oggi, Internet viene prevalentemente utilizzato al fine di ricercare delle informazioni, le quali compaiono negli appositi motori di ricerca. Uno tra i maggiormente utilizzati è Google, ma ve ne sono anche altri secondari e con funzionalità differenti che garantiscono dei risultati inerenti alle keyword inserite per la ricerca.

    Cosa sono, a cosa servono, definizioni e caratteristiche

    Il motore di ricerca consiste in un sistema client-server, che il cliente utilizza al fine di ricercare determinate informazioni. Questo sistema, al fine di reperirle, utilizza degli algoritmi di ricerca su dei database. I migliori motori di ricerca riescono a trovare più risultati al fine di offrire quante più fonti possibili, e hanno le seguenti fasi operative:

    • Analisi del campo di azione;
    • Risposta alle richieste da parte dell’utente;
    • Catalogazione del materiale ottenuto dalla ricerca.


    In seguito all’analisi delle pagine, a seconda dei criteri che utilizza il motore di ricerca (i cosiddetti fattori seo), ve ne sono alcune inserite tra i database e l’indice di ricerca del motore usato. Successivamente, sarà possibile analizzare la parte testuale al fine di rispondere alle ricerche.

    Alcuni sistemi permettono anche la copia di questi dati, e tale funzione è denominata copia cache. Inoltre, i motori di ricerca permettono di rispondere alle richieste effettuate dagli utenti secondo le keywords inserite e riescono a affinare la ricerca, la quale diventa ancora più mirata e specifica: riguardo questa funzione, la maggior parte dei motori di ricerca attuali permette l’utilizzo degli operatori booleani.


    Oltre a ciò, i motori di ricerca permettono l’indicizzazione, tramite la quale è possibile inserire un determinato sito web all’interno di un minore database del motore di ricerca, così come viene applicata la funzionalità del posizionamento organico: questo consente di ottimizzare il posizionamento di un determinato sito tra i risultati della propria ricerca.


    Ulteriori caratteristiche dei motori di ricerca sono i processi di ottimizzazione, i quali consentono di migliorare la visibilità di vari siti web e dei loro posizionamenti nelle classifiche, così come i risultati sponsorizzati (SEM), i quali consentono a determinati siti web di apparire in evidenza in quanto sponsorizzati dal motore di ricerca utilizzato.

    Elenco motori di ricerca più famosi e usati

    Oltre a Google, vi sono numerosi motori di ricerca attualmente famosi ed utilizzati da una notevole quantità di utenti.

    Tra i primi motori di ricerca più apprezzati vi è StartPage, nonchè un sistema che utilizza esclusivamente i risultati di Google, ma rispetto a quest’ultimo non prevede alcun tracciamento. StartPage infatti non memorizza l’indirizzo IP dell’utente e non genera alcun cookie di tracciamento, in quanto non viene inviata alcuna query di ricerca a Google, pur ottenendo i medesimi risultati. Questo motore di ricerca ha sede nei Paesi Bassi, ed è vincolato da delle norme europee, e possiede una funzionalità nota come vista anonima, la quale consente di ottenere protezione da vari fingerprinter appartenenti a pixel di tracciamento dei social, siti web o cookies ed ulteriori invasioni.


    Un secondo motore di ricerca ampiamente quotato è Qwant, il quale fu inaugurato nel 2013 e presenta gli stessi risultati di Bing. Questo motore di ricerca non colleziona alcun dato e pertanto tutela la privacy dell’utente, è vincolato da norme europee e presenta la possibilità di usare delle scorciatoie di ricerca, le quali permettono di effettuare una navigazione da un determinato sito web.


    Un terzo motore di ricerca, altamente famoso per la tutela della privacy, equivale a DuckDuckGo. Quest’ultimo è stato lanciato nel 2008 e dispone di 400 differenti servizi, tra cui il salvataggio dei siti web ricercati nonostante non si salvi alcun dato dell’utente.


    Questo dispone della funzionalità Bangs, la quale porta a dei risultati direttamente in altri portali.


    Un ultimo motore di ricerca fortemente in voga negli ultimi tempi è Ecosia, la quale dona l’80% dei suoi profitti a dei progetti finalizzati alla piantumazione di nuovi alberi: infatti, si stima un albero piantato per 50 ricerche complessive. Il server di questo motore di ricerca funge tramite un impianto fotovoltaico, il quale consente di utilizzare energia pulita per il suo funzionamento. I risultati dati da questo sistema vengono forniti da Bing ed ulteriormente ottimizzati da un algoritmo.

    Motori di ricerca anonimi e tutela della privacy: esempi e caratteristiche

    Per gli utenti che prestano un’elevata attenzione alla loro privacy e ne desiderano la massima tutela, talvolta i maggiori motori di ricerca come Google o Yahoo potrebbero non essere quelli adeguati per le loro esigenze. Vi sono però dei sistemi alternativi che consentono di non salvare i dati dell’utente.
    Tra i vari, vi è il precedentemente motore di ricerca citato, DuckDuckGo: questo infatti tutela la privacy, in quanto non salva o distribuisce i dati dell’utente.
    Ulteriori motori di ricerca che rientrano tra quelli che maggiormente tutelano la privacy, sono Qwant e StartPage: questoi infatti permettono di offrire dei risultati ottimali ed accurati, con una grafica decisamente buona, senza però tracciare gli utenti.
    Nel caso di StartPage, è possibile trovare i medesimi risultati presi da Google Search senza che i propri dati vengano salvati. Infine, l’ultimo motore di ricerca a cui è possibile fare affidamento consiste in Wolfram Alpha, il quale consente di ottenere dei servizi di alta qualità e tutelare la privacy.

    DMCA.com Protection Status